Menu

... il tema di ATTUALITA'

Il tema di attualità è una delle quattro tipologie di tracce previste per la prima prova dell'esame di maturità (tipologia D). Tradizionalmente è una delle tracce preferite dai maturandi, ma nasconde comunque delle insidie. Una di queste riguarda sicuramente l'argomento trattato. Si tratta infatti, di solito, di un argomento che si discosta dal programma scolastico, e che invece fa più spesso riferimento a temi di ordine generale più strettamente legati al dibattito culturale. Se questo spesso viene considerato un vantaggio, soprattutto quando non ci si sente troppo preparati sulle materie scolastiche, in realtà non lo è. Infatti ,per fare un buon tema di attualità ,è necessario comunque essere preparati, poiché d bisogna essere attenti a quello che succede intorno a noi; bisogna essere curiosi, informati, essere interessati ai temi di attualità ma anche saper elaborare delle proprie opinioni, avere un proprio punto di vista, che non sia banale o scontato, farsi delle opinioni e saperle argomentare.

Svolgere un tema è, quindi ,un'operazione complessa, che però può essere suddivisa in diverse fasi, in modo da procedere con metodo nella stesura.

In primo luogo è fondamentale leggere la traccia con attenzione, il che servirà innanzitutto a capire se si è sufficientemente padroni dell'argomento da potersi misurare con questa prova. È bene ricordare che nelle tracce nulla è casuale e ogni traccia racchiude in sé tutte le indicazioni necessarie per lo svolgimento, dunque un'analisi accurata consentirà di individuare i concetti chiave, di focalizzare i quesiti che la traccia propone, che siano essi espliciti o più nascosti.

Dopo aver capito cosa richiede la traccia, si passa alla definizione della scaletta, una strutturazione logico-concettuale degli argomenti da affrontare; l'impostazione della costruzione del discorso può avere modalità differenti: può essere descrittiva, di interpretazione, di verifica, di valutazione critica. È una momento fondamentale poiché si sta costruendo lo scheletro del tema e se ben fatto impedirà sia che si arrivi a un blocco sia che si vada fuori traccia.

Inizia poi la fase di scrittura, che può iniziare con una introduzione, seguita da una esposizione dell'argomento, secondo quanto stabilito nella scaletta, per terminare con la conclusione, che può essere un riassunto di quanto esposto, una considerazione personale o una soluzione a problematiche poste in precedenza. In questa fase, in particolare, bisogna fare attenzione al registro linguistico che si utilizza, adeguare il linguaggio al tipo di argomento che si sta approfondendo (ad esempio di tipo scientifico, economico, politico etc.).

Terminata la fase di stesura del testo bisogna rileggere e controllare se ci sono errori; in particolare è necessario accertarsi che non ci siano errori di punteggiatura, di ortografia (consultiamo il vocabolario se abbiamo dei dubbi), l'uso dei verbi (soprattutto i tempi), e verificare che il tutto abbia un senso logico!