Menu

I CREDITI

Ogni studente può arrivare all'esame con un bagaglio massimo di 25 punti fra crediti scolastici e formativi, rispetto ai 20 degli anni passati. I crediti scolastici, da non confondere dunque con i crediti formativi, vengono maturati in base ai voti riportati nei tre anni precedenti l'ultimo, secondo la seguente tabella:

CREDITO SCOLASTICO
(Candidati interni)
Media dei voti Credito scolastico (Punti)
  I anno II anno III anno
M = 6 3-4 3-4 4-5
6 < M = 7 4-5 4-5 5-6
7 < M = 8 5-6 5-6 6-7
8 < M = 9 6-7 6-7 7-8
9 < M = 10 7-8 7-8 8-9



La media voti ottenuti nello scrutinio finale degli ultimi tre anni consente di definire a quale fascia di profitto appartiene lo studente; come si può vedere dalla tabella, è previsto un punteggio minimo ed un punteggio massimo e, per stabilire quale punteggio merita lo studente, entrano in gioco altri fattori, come la frequenza scolastica, l'interesse e la partecipazione ad attività integrative e anche i crediti formativi che consentono di aumentare il punteggio, sempre però nel limite previsto dalla tabella. Il punteggio più alto sarà attribuito a condizione che siano assenti i debiti formativi.

Il credito formativo, insieme al credito scolastico, è un punteggio che contribuisce alla definizione del voto finale dell'esame di maturità. Esso viene assegnato agli studenti che svolgono delle attività al di fuori del normale orario scolastico, maturando delle esperienze di crescita in ambito didattico (es. certificazioni linguistiche o informatiche), culturale, sportivo (es. partecipazione a gare agonistiche, presso associazioni sportive riconosciute dal CONI), lavorativo (stage), sociale (es. attività di volontariato). Naturalmente è necessario dimostrare l'effettivo svolgimento di queste attività, tramite attestati forniti dagli enti o dalle associazioni presso cui sono state svolte, da sottoporre al consiglio di classe.